THE POWER OF THE OTHER

di Henry Cloud

Impara a sfruttare il potere delle relazioni positive.

Le cattive relazioni possono danneggiarti in diversi ambiti e su diversi livelli. Potresti aver vissuto insulti da parte di un compagno di classe o scoprire che non fai che sorbirti e risolvere i problemi emotivi di un amico. O probabilmente, hai paura del giorno in cui deluderai uno dei tuoi genitori che ha sempre pensato per te e per il tuo bene. Questo è ovviamente associabile anche in campo lavorativo, dove alcuni colleghi o collaboratori non fanno altro che danneggiare la tua crescita e la tua serenità. 

Molti di noi passano la maggior parte del tempo dedicandosi alla propria attività, sottovalutando l'influenza negativa del collega che magari non fa altro che lamentarsi o, peggio, pavoneggiarsi del suo super ego. 

Questo tipo di relazioni hanno una cosa in comune: sono malsane e ti impediscono di essere la persona felice e soddisfatta che puoi e che devi essere.

Fortunatamente esistono molte relazioni salutari e benefiche nel mondo. A volte, con gli strumenti corretti, siamo in grado di migliorare anche i legami travagliati.

Adesso ti mostrerò alcuni accorgimenti che ti aiuteranno a identificare le diverse tipologie di relazioni in cui ti trovi e a mostrare come ognuna di esse influisca sulla tua vita.


ELEMENTI CHIAVE

- In che modo una relazione può farti stare bene ma in realtà è tossica;

- Quali sono i punti fondamentali di una relazione positiva.

- Perchè alcuni colleghi sono da evitare come la peste bubbonica o magari tu sei da evitare per loro.

- Come essere sicuri di potersi fidare di qualcuno.


Il tuo benessere dipende dal tuo cervello, dalle tue relazioni e dalla tua mente.

Hai mai sentito di nessun bodybuilder che allena solo uno o due muscoli ? Io no.

Coltivare la felicità funziona esattamente allo stesso modo. Se vuoi vivere una vita migliore, devi lavorare su te stesso. Questo significa prendersi cura della propria salute mentale e del proprio cervello.

Il cervello funziona attraverso una combinazione di cariche elettriche, ormoni e neurotrasmettitori. Se qualcosa sconvolge l'equilibrio di questi elementi, non ti sentirai affatto bene. Ad esempio, se il tuo cervello non secerne una quantità sufficiente di serotonina chimica, avrai difficoltà a concentrarti e probabilmente ti sentirai depresso.

Il tuo successo e il tuo benessere dipendono moltissimo dalle relazioni in cui sei coinvolto. Ogni persona ha bisogno di relazioni intime e di supporto per vivere meglio. Le relazioni intense, ci aiutano a far fronte allo stress, a superare i momenti bui nelle nostre vite e persino a guarire il dolore.

Le relazioni malsane, d'altra parte, non fanno che aggiungere una buona dose di stress alla nostra vita. Ad esempio, possono ostacolare la lucidità e la capacità di affrontare situazioni difficili sul lavoro. Immagina di tornare a casa da una dura giornata in studio o durante un servizio fotografico. Se ti rivolgi ad un partner per sfogarti e il tuo lui o la tua lei ti prende in giro, il tuo umore scenderà e ti farà sentire peggio.


Oltre a prenderti cura del cervello e delle relazioni, devi anche pensare alla tua mente. Mente e cervello non sono la stessa cosa. Pensa il cervello come un pezzo di hardware, dove la tua mente è il software che lo gestisce. La tua mente è essenzialmente il processo mentale che funziona per decodificare le informazioni in arrivo e, soprattutto, determina come reagisci a queste informazioni.

Capire cosa sta succedendo nella tua mente è un elemento fondamentale per vivere bene. Quando conosci la tua mente, sei in grado di mantenere il controllo dei tuoi pensieri e di gestire al meglio le tue emozioni. Tutte e tre le componenti, nonché cervello, mente e relazioni, sono fondamentali per condurre una vita equilibrata e felice. 

Adesso è il caso di approfondire e di concentrarci solo su uno di questi elementi: le tue relazioni.


Evita le relazioni dannose: quelle senza connessione, quelle cattive e quelle false.

Ogni relazione rientra in una delle quattro categorie o punti di connessione.

Iniziamo con i tre tipi di relazione che dovresti evitare.

I "Quattro angoli di connessione".

 

  • Nessuna connessione

  • La cattiva connessione

  • La connessione pseudo-buona

  • Vera connessione

 

Il primo tipo è una relazione di primo grado, in cui non è possibile riscontrare una legame vero o sincero con l'altra persona. In questo caso è meglio non scambiare alcuna informazione significativa o energia positiva con la persona in questione, in modo da non ottenere nulla di sostanziale da questa relazione.

Immagina quando i tuoi colleghi o collaboratori non condividono notizie importanti ne con te ne con gli altri componenti della squadra, o magari quanto tu stesso non riesci a coinvolgerli e motivarli.

Questa completa mancanza di connessione è una relazione di primo grado.

Facciamo un altro esempio: le coppie potrebbero mantenere una relazione di primo grado se non si immedesimassero o sostenessero a vicenda. Se ritieni che il tuo partner non ti ascolti, ad esempio, o manchi di empatia, probabilmente hai una cattiva connessione con lui - una classica relazione di primo grado. 

Il secondo tipo è una relazione di secondo grado, in cui una relazione è dannosa.

È difficile vivere la propria vita da soli, quindi è inevitabile che le persone provino ad entrare in connessione con le altre. Per questo motivo spesso finiscono per "stabilirsi" con un partner romantico, anche se la loro è una relazione povera.

Questi non sono gli unici casi.
Quando non stai bene con qualcuno in particolare, ad esempio, e quando ti confronti con chi ti fa sentire nervoso, inferiore, impacciato, non è il massimo. Quando parli con un tuo collega che non fa altro che annoverarti i suoi successi o ti spara pilotti sulle componenti avanzatissime della sua macchina fotografica di cui non te ne importa una beneamata.

Queste si possono definire relazioni dannose.

Questa tipologia di legame è una relazione di terzo grado e spesso non appare dannosa. Eppure questo tipo di relazioni sono cattive in quanto ritenute false.

Mentre una relazione non connessa o dannosa potrebbe farti stare male con te stesso, una relazione falsa può farti sentire bene, solo temporaneamente. Eppure le tre tipologie di relazioni sono spesso basate su connessioni dannose, come una dipendenza condivisa, un affare illecito o una partnership basata sull'ego o su false lodi.

Il problema è che puoi facilmente rimanere attaccato a una relazione falsa. 
La causa è la passione o la forte ammirazione che provi per quel legame, che potrebbero farti sentire bene solo sul momento.[4-9] Nelle relazioni sincere, invece, le persone migliorano la tua vita, perché possono essere vere e possono apertamente riconoscere le proprie debolezze.

Hai amici o parenti con cui puoi essere completamente te stesso? Con cui non devi temere di abbassare la guardia? Quando sei con persone come queste, mostri il tuo vero io - non il falso te stesso che spesso presenti al mondo.

Il tuo falso io è come una maschera che indossi per proteggerti. Ti fa sentire più forte, più intelligente e più sicuro di te. Tutti noi usiamo queste maschere per guadagnarci il rispetto di persone che potrebbero ridicolizzarci o attaccarci. I leader, in particolare, tendono a nascondere il loro vero io perché sono sempre sotto gli occhi di tutti. Le persone infatti, ammirano i leader e ripongono in loro la loro fiducia, ed è per questo che un leader pensa di non poter mai mostrare la propria debolezza.

L'ex presidente Bill Clinton, per esempio, una volta ha parlato all'ex primo ministro britannico Tony Blair, affermando l'importanza di mettere su una "faccia" o di fingere di essere forte e ottimista.

In una relazione basata su 4 punti, l’importante è non fingere.

Ti senti sicuro quando condividi tutto ciò che pensi e senti all'interno della tua relazione. Tu e il tuo partner vi comprendete e vi preoccupate profondamente l'uno dell'altro. Il tuo partner non si avvarrà di te se mostri la tua debolezza. 

Lo stesso accade nel mondo del lavoro dove parte del motivo per cui i leader hanno successo, è che spesso sono persone che hanno superato le sfide della vita e hanno chiesto consiglio ai loro mentori.

Il fondatore di Virgin Group, Richard Branson, ha quasi abbandonato il suo sogno di fondare una compagnia aerea perché era inesperto e non aveva abbastanza capitale per competere con giganti come British Airways. Invece di smettere, ha contattato il veterano delle compagnie aeree Freddie Laker e ha ammesso di aver bisogno di aiuto. Con l'aiuto di Laker, Branson è diventato uno delle principali figure nel settore del trasporto aereo. A volte confidare in una persona fidata su una debolezza è la cosa più potente che puoi fare.

Aprirsi agli altri senza barriere, mettendo sul piatto una condivisione sincera porta ad una crescita piu' rapida in qualsiasi ambito.

Prendiamo ad esempio il nostro settore, ricco di appuntamenti come workshops e conventions. Immaginate se tutti i partecipanti si aprissero tra di loro in una sincera condivisione delle idee e delle problematiche. Ne gioverebbero tutti. 
 


I valori e le convinzioni di una persona in una relazione forte possono influenzare il comportamento di un'altra persona.

Quando sei coinvolto in una relazione intima, puoi attenzionare dettagli e comportamenti che potrebbero influenzare e modificare il tuo modo di pensare e di comportarti attraverso un processo chiamato interiorizzazione.

In breve, interiorizzi le cose che chi hai accanto ti dice o ti insegna.

Pensa a un bambino, la cui madre dice di non toccare una stufa calda. Dopo che il bambino ha sentito questo avvertimento abbastanza volte, lo interiorizzerà. La prossima volta che vedrà una stufa, non avrà bisogno che sua madre glielo ricordi.

Questo è il motivo per cui le connessioni reali sono così potenti. 
Quando condividi una relazione forte con una persona, quell'individuo può influenzare profondamente il resto della tua vita, anche dopo che quella persona si allontana dalla tua vita. Se hai passato parte della tua vita studiando un determinato fotografo o tu stesso sei stato il "mentore" di qualcun'altro, le informazioni accumulate in quel periodo influiranno il resto della carriera seppur evolvendosi.

Le intuizioni che tali relazioni trasmettono vivono come memorie e modelli di pensiero che possono modellare il comportamento. Inoltre, l'interiorizzazione può essere utilizzata per influenzare il comportamento di altre persone!

 
Come puoi garantire che i tuoi dipendenti mantengano tutto senza intoppi?

Puoi aiutare i tuoi collaboratori condividendo i tuoi valori e le tue conoscenze, lezioni che saranno interiorizzate nel tempo dai componenti del team.

Alla fine tutti capiranno come l'azienda funziona, anche senza di te, e adotteranno di conseguenza le tue buone abitudini come se fossero loro.

L'educazione dei figli funziona attraverso lo stesso processo di interiorizzazione.

Certo, un figlio adolescente non ti accompagnerà durante un appuntamento, ma puoi insegnargli come comportarsi con estranei e nuovi partner prima che il primo appuntamento avvenga.


Usa cinque criteri per valutare se puoi fidarti di una persona nella tua vita.

Perché le persone investono denaro in azioni? 
Si aspettano che il loro investimento paghi nel tempo.

Allo stesso modo, investiamo tempo, impegno e buona volontà nelle relazioni perché ci aspettiamo che le nostre vite migliorino.

Quindi, come fai a sapere se puoi fidarti di qualcuno? 

Esaminiamo alcuni criteri per valutare la fiducia.

Innanzitutto, fidati di qualcuno solo se sei sicuro che quella persona capisca cosa è importante per te.

Immagina di aver ingaggiato un super retoucher, ma lui fraintende costantemente le tue istruzioni e inizia a utilizzare il bianco e nero selettivo e il seppia come se piovesse.

Se qualcuno non capisce di cosa hai bisogno, può essere distruttivo - anche se ha avuto buone intenzioni dall’inizio.

In secondo luogo, assicurati che la persona abbia a cuore i tuoi migliori interessi. 
La persona vuole il meglio per te?

In terzo luogo, chiediti se la persona è affidabile prima di rivolgerti a lui per chiedere aiuto.

Non ti fiderai di un alcolizzato per aiutarti a diventare sobrio, per esempio. Se la persona non è stata in grado di superare la sua dipendenza, è improbabile che possa offrire una guida positiva per aiutarti a superare i tuoi problemi.

In quarto luogo, valuta il carattere della persona. Il carattere non riguarda solo l'onestà o l'integrità, ma anche altri aspetti fondamentali.

Alcuni tratti caratteriali possono essere utili o dannosi a seconda della situazione. Non dovresti fidarti di un pessimista se la tua idea è quella di realizzare un'idea vincente, per esempio.

E quinto, considera le esperienze passate che hai condiviso con la persona. Le esperienze passate ti dicono se puoi o meno fidarti.

Diciamo che ti sei affidato a un amico per venirti a prendere all'aeroporto, ma lui lo ha dimenticato. Se ha fatto di nuovo lo stesso errore una seconda volta, probabilmente non dovresti fidarti di lui una terza volta.

La fiducia è importante ma complessa, ed è uno degli elementi chiave di ogni buona connessione - non prenderla alla leggera.


  • Prima di tutto, abbiamo stabilito che, sia che lo riconosciamo o meno, altre persone hanno il potere di influenzare notevolmente la nostra vita.

  • Secondo, quel potere può avere un'influenza positiva o negativa.

  • Terzo, non possiamo arrivare al livello successivo senza aprirci al potere positivo che gli altri portano. Dobbiamo essere un "sistema aperto".

  • In quarto luogo, al fine di aprire e ricevere, dobbiamo essere vulnerabili e veri.

 

Edoardo Morina