Pomodoro Tecnique

 

Il seguente articolo non è una traduzione, ne un riassunto del testo originale. Il suo utilizzo è stato effettuato sotto forma di ispirazione per dar vita ad un testo originale totalmente rivolto alle esigenze dei fotografi. Photographersbooks suggerisce l’acquisto del libro originale.



 

Ispirato a The POMODORO TECHNIQUE
di Francesco Cirillo

Pomodoro .png

N.B. KINDLE READER. Per importare il libro sul vostro kindle.
1. Collegatevi al vostro account amazon > i miei dispositivi > email
2. Scaricate e inviate il file a quella mail.


Il tempo è certamente limitato, vorremmo avere giornate da 48 ore.
Ma siamo davvero sicuri che cambierebbe qualcosa ?

Mi spiego meglio.
Immagina di essere davanti al tuo computer a selezionare duemila milioni di trilioni di immagini, che dovrai post-produrre, sequenziare , impaginare, condividere ecc… Praticamente il solo pensiero mi fa angoscia.
Non hai alternative comunque, devi farlo. Quindi prendi la tua tazza gigante di tè, premi play sulla tua playlist preferita, ti metti comodo e inizi.

Alla terza o quarta immagine, ti arriva un messaggio via whatsapp. Rispondi per educazione. La conversazione continua e tu certo non puoi troncarla così, sarebbe da stronzi. Dopo 15 minuti e un "ciao ci sentiamo dopo" riprendi possesso di quello che avevi iniziato. 

Alla decima immagine, un segnale sonoro ti comunica che qualcuno ti ha appena mandato una mail.
E se fosse un nuovo cliente ? Se fosse qualcosa di importante ?
Devi assolutamente sbirciare. Apri la mail, stranamente non è spam, ma un cliente che ti richiede un preventivo. Non puoi perdere l'occasione, la tempestività nella risposta, ti hanno insegnato, è determinante. Anzi, ti hanno pure detto che secondo una statistica della NASA è molto più probabile che il cliente risulti maggiormente accattivato da un contatto diretto. Quindi prendi il telefono e lo contatti. 30 minuti di conversazione e di ascolto, alla fine dei quali hai trovato delle soluzioni e gli hai promesso un preventivo ad hoc. Bravo !

"Mando la mail subito". Hai scelto di essere tempestivo, non puoi perderti proprio adesso. Compili il "grazie per avermi contattato è stato un piacere discutere con te…" e mandi il tuo preventivo. Benissimo. 

Trepidante attendi una risposta controllando ogni 5 minuti la tua casella di posta. Il tè è finito, ne fai un altro. La playlist inizia ad annoiarti, ne cerchi un'altra. Vuoi una musica più chill, un pò meno chill, anzi Indie, non l'Indie poi ti annoia. Vediamo che ascoltano gli altri. 

Trovata ! Premi play. Sistemi la sedia e ti rimetti al lavoro.

Ventesima immagine e ti rendi conto che non controlli Facebook da quasi un'ora. Sei pazzo ? 

Scrollatina alla timeline, un post ti colpisce, approfondisci. 

Potrei continuare all'infinito e sono quasi sicuro che più o meno ti rivedrai in quello che ho scritto. 

La morale della favoletta è che dopo un paio di ore probabilmente sarai ancora all'inizio dell'attività che ti eri ripromesso di svolgere.

Si avremmo bisogno di 48 ore. Ma più di tutto avremmo bisogno di concentrarci su quello che stiamo svolgendo. Avremmo bisogno di disciplina, ma questa è una parola che da fastidio. Di cosa avremmo bisogno quindi ?

Come sempre, di un sistema.

Un Italiano, Francesco Cirillo, ne suggerisce uno estremamente semplice da poter essere utilizzato in qualsiasi occasione. Lui l'ha definita la tecnica del pomodoro.

shutterstock_657971665.jpg

Cos’è la Tecnica del Pomodoro

8acfb44560032afc68dece092fadc0c9_2.png


Che c'entra il pomodoro con le tecniche di gestione del tempo e dell'efficienza aziendale ?

Parlando di pomodoro, ci occupiamo di un'attività passata ?
Puoi tranquillamente chiudere queste pagine, a questo punto, lo capirei. Fare le battutine che facevo ai tempi delle elementari mi mantiene giovane. Pomodoro - passata… hai capito ? Si, avevi capito ma facevi finta di niente. Proprio come tutti i miei compagnetti che ignoravano questa ironia degna di Zelig. Maldetti, sono assolutamente un incompreso. Basta non divago. Il Dott. Divago. Questa ? Piaciuta ? Uccidetemi.

Anyway,
il buon Cirillo (che non è quello di “Chi è Tatiana”) ispirato dal timer da cucina a forma di pomodoro, negli anni 80, realizza una tecnica che preverde la divisione della nostra attività in sessioni più piccole. I pomodori appunto.

  • Prima di tutto decidi quale attività vorresti svolgere. Ad esempio "Devo post-produrre 500 foto", "devo scrivere l'articolo per il blog". Qualsiasi cosa che senti l'urgenza di portare avanti. La classica cosa prossima in scaletta. Il tuo sistema, se ben realizzato, dovrebbe suggerirti senza alcun indugio, quale task deve essere portato avanti.

  • Una volta scelta l'attività, imposta il timer a 25 minuti. Durante questo periodo di tempo devi fare giurin giuretto che niente e nessuno potrà distrarti. Quindi se suona il telefono lancialo dalla finestra, se arriva una mail resisti senza leggerla ecc.. Sono solo 25 semplici minutini.

  • Alla fine dei 25 minuti, prenditi una pausa di 5 minuti. Durante questo tempo fai quello che vuoi, distraiti possibilmente rilassati. 

Hai appena concluso il tuo primo pomodoro ! Appuntatelo e ricomincia.

Alla fine di 4 pomodori, prenditi una pausa più lunga. Circa 25 minuti. 


I Vantaggi


Oltre alla sua caratteristica fondamentale di gestione del tempo, l'utilizzo della tecnica del pomodoro produce altri vantaggi. Vediamo quali.


Vantaggio numero 1. 
Impari a pianificare le tue to-do lists.

Utilizzando la tecnica del pomodoro sarai portato a suddividere le attività della tua giornata in pomodori. Questo ti costringe, in primis, a stimare le difficoltà e tempi necessari di ogni attività.

Devo finire di impaginare un album, ho bisogno di 4 pomodori. Sembra ridicolo ma è così.

Poi, essendo dedicato ad una sola attività, il pomodoro ti consente di concentrarti evitando il multitasking. Se sei un uomo non avresti bisogno di questo in quanto il multitasking per noi è solo una fantasia irrealizzabile.

Infine, confrontando i pomodori stimati per fare un attività e i risultati ottenuti, diventerai sempre più abile nelle tue stime.

Inoltre, quando usi la tecnica del pomodoro, ti ritrovi a visualizzare le cose in maniera completamente diversa.

Per esempio, come suggerito precedentemente:

“oggi finisco un album in 4 pomodori”

“Per la selezione di queste immagini mi occorreranno 6 pomodori”,

“Per scrivere un post mi concedo massimo un pomodoro”

Questo approccio non è da sottovalutare perchè cela una pratica fondamentale. La capacità di suddividere quello che devi fare in unità discrete, sempre uguali. Poi diciamo la verità, c'è una grande differenza psicologica nel dire a noi stessi "per fare questo lavoro ho bisogno di due ore" invece di "mi faccio 4 pomodori".


Vantaggio numero 2.
Migliora la tua forza di volontà

"Per percorrere 1000 km si parte dal primo metro".

La tecnica del pomodoro in tal senso è ideale. Ti aiuta proprio a suddividere gli obiettivi che sembrano lontanissimi in tanti piccoli mini steps. Un pomodoro da 25 minuti è abbastanza breve da essere tollerato pure dal più fancazzista, ma utile allo stesso tempo per completare un'attività significativa.


Vantaggio numero 3
Aiuta la concentrazione.

Abbiamo detto che se applichi la tecnica del pomodoro, sarai dedicato ad una singola attività. 

Se qualcosa o qualcuno ti distrae, ti è permesso solo appuntarlo su un pezzo di carta. Per questo ti consiglio di avere sempre al tuo fianco un piccolo block notes, in modo da appuntarti tutto quello che dovrai fare in seguito nella pianificazione della tua prossima insalata.

Vantaggio numero 4
Il pomodoro ti aiuta ad essere costante.

Uno dei miei più grandi difetti è la costanza. Direi che sono costantemente preda di mille idee. Sviluppare un'abitudine positiva, come la tecnica del pomodoro, mia aiuta a creare degli spazietti di tempo nei quali tutto deve essere svolto in funzione di quella'attività. La routine applicativa fa tutta la differenza del mondo.


Quale scegliere

shutterstock_639125209.jpg

Non dirmi che non puoi provare almeno una volta ad utilizzare questa tecnica. Se ti sembra banale, ti esorto a dargli una possibilità. Esistono centinaia di app gratuite a riguardo. Basta digitare su google "Pomodoro Timer". Troverai chrome extensions e app a go go. 

Te ne suggerisco alcune:

https://www.marinaratimer.com/

Funziona direttamente sul tuo browser e non dovrai scaricare nulla. Inizia un nuovo timer che troverai già impostato sui 25 minuti e aspetta il segnale acustico che ti comunica la pausa. Potresti anche personalizzarlo, in base alle tue esigenze, con periodi di tempo diversi che si adattano meglio a te e al tuo team.

Altre con più funzionalita: 

Focus Booster (Web, Windows, macOS, iOS, Android) per freelance che lavorano con più clienti.

PomoDoneApp (Web, Windows, macOS, Linux, iOS, Android) per l'utilizzo di Pomodoro con un'app di gestione delle attività di terze parti.

KanbanFlow (Web) per combinare Kanban e Pomodoro.

Pomotodo (Web, Windows, macOS, Chrome, iOS, Android) per combinare GTD® e Pomodoro.

Be Focused (macOS, iOS) per la gestione semplice di attività e tempi su dispositivi Apple.

Pomodori (Web) per motivarti a completare i pomodoros.

Engross (Android) per capire quando sei più concentrato.

Pomodoro.cc (Web) per le persone che sono nuove alla Tecnica del Pomodoro.

Timerdoro (Web) per le persone che hanno bisogno di più timer.

Ne potrei segnalare un'altra decina ma credo che queste siano sufficienti. Non ti resta che dare un'occhiata tu stesso e scegliere quella che fa più al caso tuo. Io personalmente utilizzo un extesion di Chrome che si chiama Marinara Timer. Come avrai capito, però, la logica è molto semplice e potresti tranquillamente utilizzare un cronometro o un telefonino.


shutterstock_465989525.jpg

Conclusione

La semplicità di utilizzo di questa tecnica è lampante. Quello che non è facile da prevedere è la sua efficacia. Io ti parlo per esperienza, tutto questo funziona. Man mano che prenderai dimestichezza con la suddivisione del tuo tempo in slot più piccoli, imponendoti la concentrazione per questi brevi periodi, vedrai che riuscirai ad essere molto più produttivo di prima.


La Pomodoro Tecnique non ha niente a che vedere con la pianificazione del tuo tempo ma ti aiuta a gestirlo. Questa tecnica non avrebbe alcun senso sensa una pianificazione precedentemente sviluppata che ti porta a sapere quali sono le attività da svolgere. 


Francesco Cirillo la sviluppò ai tempi dell'Università, quando si rese conto di non avere la giusta attenzione durante lo studio della materia soggetta ad esame in quel tempo. Allo stesso modo, tu potresti utilizzarla per avere un supporto al raggiungimento delle tue scadenze.  La tecnica non ti dice cosa fare, ma come svolgerlo.


Con il passare del tempo, ti ritroverai a pensare al tempo non più in minuti ma in pomodori. Quindi se avrai stimato il completamento di un attività in 2 ore, ad esempio, ti verrà da dire "mi occorrono 4 pomodori". La differenza sta nel fatto che senza quel dannato timer rischieresti di incorrere in tutte quelle distrazioni discusse all'inizio del testo. A fine giornata conterai i tuoi pomodori e rimarrai favorevolmente impressionato da quanto sei riuscito a produrre.

Dai, prova e fammi sapere come ti vanno le cose.


Edoardo MorinaCommenta